LA MOSTRA Esposizione in via Mirabella 31, Ortigia.

 

Quello di Leonardo da Vinci e Archimede è un museo accessibile anche alle persone non vedenti. Con la possibilità, quindi, di toccare. Il protocollo d’intesa stipulato con l’associazione “Sicilia turismo per tutti” ha rinnovato e garantito un accesso facilitato anche alle persone diversamente abili con l’aggiunta di un percorso tattile riservato ai non vedenti. Teniamo molto al fatto che il museo sia accessibile a tutti e che le macchine di Leonardo e Archimede possano essere fonte d’ispirazione e di cultura. Guardare con le mani si può. Le macchine così ricostruite facilitano l’esplorazione tattile e sensoriale, insegnando a “toccare” in modo corretto tutti i dettagli dei meccanismi delle opere. Un museo senza barriere, perché l’arte in tutte le sue forme deve essere accessibile. Un imponente quanto singolare lavoro eseguito con minuzia da maestranze fiorentine qualificate, che hanno saputo ridare vita alla realizzazione e alla riproduzione fedele di prototipi tutti funzionanti nei minimi dettagli e ricostruiti con procedimenti speciali. I modelli riprodotti, che non possono di certo essere definiti solamente “modelli”, sono stati realizzati interamente in legno, richiedendo per ciò l’impegno sia di sofisticate tecnologie sia di particolari abilità umane. Le “macchine ” esposte al museo Leonardo da Vinci e Archimede di Siracusa hanno inoltre la peculiarità di essere interattive, aspetto fondamentale per suscitare nel visitatore non solo una intensa esperienza percettiva e cognitiva, ma anche sensoriale, attraverso il contatto diretto con la “materia di due grandi geni”. “Scienza e tecnologia giocano oggi, sempre di più, un ruolo centrale nello sviluppo della società. La partecipazione e il coinvolgimento del pubblico nello sviluppo del discorso scientifico appaiono elementi insostituibili per promuovere una curiosità – e una cultura – scientifica allargata”. Il valore e l’importanza culturale e scientifica della mostra intendono richiamare l’interesse del vasto pubblico: dagli alunni delle scuole primarie di primo e secondo grado ai docenti e studenti delle scuole universitarie ai cultori della meccanica e della cinetica agli appassionati storici e, più in generale, ai visitatori italiani e stranieri estimatori dall’evento scientifico-culturale. In prossimità di ogni macchina è apposto un pannello con una spiegazione in multilingua.

 

IL MUSEO Leonardo e Archimede Siracusa nasce anche per bambini.

Il Museo non è riservato solo agli adulti ma anche ai più piccoli con il progetto didattico “W Leonardo” dove i bambini dai tre ai dodici anni hanno la possibilità di comprendere i materiali grezzi che costituiscono le macchine, il funzionamento base della meccanica, i rudimenti della fisica e delle discipline scientifiche, per non dimenticare l’importante approccio con l’aerodinamica di cui Leonardo è il padre. Nei laboratori le attività manuali, indirizzate a grandi e piccini, si concretizzano nella ricostruzione dei modelli esposti, in scala largamente ridotta, nella libertà di poter disegnare e abbozzare ciò che hanno visto, ricalcando le orme di Leonardo e la sua attenta osservazione della natura che lo circondava. All’interno della mostra è possibile visualizzare, a grande schermo, il documentario sulla vita e le opere di Leonardo, organizzato preventivamente dalla direzione del museo aretuseo. 

Il museo Leonardo da Vinci e Archimede di Siracusa vanta la più ampia esposizione delle macchine di Leonardo, riprodotte fedelmente sulla base dei codici vinciani, unica in Sicilia e da Firenze in giù. In esposizione si possono ammirare 60 opere e una significativa collezione di studi di anatomia, che testimoniano l’ossessione di Leonardo per le meccaniche del corpo umano. Diverse sono le invenzioni esposte del mitico Archimede, solo per citarne alcune la bilancia, la spirale, la coclea. 

La superba quanto unica attività museale è avallata dalla supervisione e l’accreditamento del Prof. Carlo Pedretti, esperto internazionale dei Codici Vinciani nonché Direttore del centro “ Armand Hammer” dell’Università della California e presso la Sede Europea dell’Università di Urbino in Italia.

 

Il museo è stato accreditato come l’unico riconosciuto in tutta Italia dedicato al genio siracusano. Una novità assoluta nel panorama culturale mondiale: il Genio siracusano a colloquio con il suo naturale erede toscano. Diverse sono le invenzioni esposte del mitico Archimede, solo per citarne alcune la Bilancia, la Spirale, la Coclea. Un percorso museale ben preciso e studiato nei particolari che mettono a confronto speculare quindici Macchine funzionanti, dedicate agli studi matematici e ingegneristico-scientifici dei due Geni, due pilastri della scienza accomunati dall’amore per il sapere e il capire.

 

La collezione presente presso il Museo Leonardo e Archimede di Siracusa, costituisce un esempio di testimonianza a livello Internazionale degli studi e lavoro profuso sui i modelli della collezione. La collezione che vanta 249 modelli è ormai da anni presente, oltre che in Italia, anche in Australia, Usa, Spagna, Brasile, Cina, Germania, Polonia, Austria, Romania, Brasile, Emirati Arabi, Francia, Finlandia, Nuova Zelanda.

 

La location siracusana è suggestiva, situata nella parte più antica della città di Archimede, in uno dei palazzi più significativi della città. Il già ex Convento del Ritiro situato in Ortigia, apre il sipario all’esposizione sulle note della musica di quel tempo, tra abiti d’epoca e meccanismi misteriosi, per chi vuole approfondire la conoscenza o curiosare tra i codicidei due più grandi Geni di tutti i tempi quali Leonardo da Vinci e Archimede. Un book- shop ricco di pubblicazioni e gadget, sono disponibili a quanti vorranno portare a casa un vivo e suggestivo ricordo della visita al museo di scienze e tecnologia siracusana.

 

Un’esperienza unica che abbraccia storia, scienza, meccanica e fisica.