Oltre 60 macchine, modelli interattivi, laboratori per i più piccoli. Nel cuore dell’isola di Ortigia, puoi toccare con mano le invenzioni di due Geni: Leonardo da Vinci e Archimede da Siracusa. Un percorso che si snoda in una location unica: l’ex Convento del Ritiro, sede del Museo Leonardo da Vinci e Archimede. L’esposizione vanta un’ampia collezione di macchine leonardiane e archimedee,  ricostruite fedelmente sulla base dei codici vinciani. Negli ampi spazi del museo,  si possono ammirare, e toccare con mano, le opere, i meccanismi, capirne dal vivo il funzionamento, per attraversare la storia della scienza in prima persona.  Significativa è anche la collezione di studi di anatomia, che testimoniano l’ossessione del genio toscano per le meccaniche del corpo umano.

 

Nelle sale del museo, spazio all’illustre scienziato: Archimede. il Genio siracusano, qui, entra a colloquio con il suo naturale erede toscano.  Diverse le invenzioni e di Archimede esposte, solo per citarne alcune la Bilancia, la Spirale,  principio della levaUn percorso museale ben preciso e studiato nei particolari che mette a confronto speculare, in contatto, Leonardo e Archimede, due pilastri della scienza accomunati dall’amore per il sapere e il capire.

 

Il Museo Leonardo e Archimede Siracusa,  nasce anche per bambini, con il progetto “W Leonardo”. Qui i più bimbi dai 3 ai 12 anni, hanno la possibilità di comprendere i materiali grezzi che costituiscono le macchine, il funzionamento base della meccanica, i rudimenti della fisica e delle discipline scientifiche. Nello spazio dedicato ai laboratori didattici,  le attività manuali, indirizzate a grandi e piccini, si concretizzano nella ricostruzione dei modelli esposti e nella libertà di poter disegnare e abbozzare ciò che hanno visto, ricalcando le orme di Leonardo e la sua attenta osservazione della natura che lo circondava.

 

Quello di Leonardo da Vinci e Archimede è un museo accessibile anche alle persone non vedenti. Un percorso tattile,  riservato,  che garantisce l’esplorazione delle macchine. “Guardare con le mani si può”.  Le macchine così ricostruite facilitano l’esplorazione tattile e sensoriale, insegnando a “toccare” in modo corretto tutti i dettagli dei meccanismi delle opere. Un museo senza barriere, perché l’arte in tutte le sue forme deve essere accessibile a tutti. Il museo è situato nella parte più antica della città di Archimede, in uno dei palazzi più significativi dell’isola: l’ex Convento del Ritiro, in Ortigia. 

 

Al suo interno anche il book- shop ricco di pubblicazioni per approfondire la conoscenza dei due geni, e di gadget disponibili a quanti vorranno portare a casa un vivo e suggestivo ricordo della visita al museo di scienze e tecnologia siracusana.

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA