Museo Leonardo e Archimede Siracusa | “Niuiòrc Niuiòrc”, il primo evento del Museo organizzato da Maria Gabriella Capizzi
247
post-template-default,single,single-post,postid-247,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

“Niuiòrc Niuiòrc”, il primo evento del Museo organizzato da Maria Gabriella Capizzi

Il 10 gennaio, alle ore 18:30, negli spazi del locale “Moon – Move Ortigia Out of Normality” di Ortigia (Siracusa), si è tenuto lo spettacolo teatrale “Niuiòrc Niuiòrc” di e con Francesco Foti. L’evento,organizzato da “Events Museo Leonardo Siracusa” e dall’associazione “Leonardo da Vinci Arte e Progetti”, presieduta da Maria Gabriella Capizzi, ha l’obiettivo di rilanciare la città di Siracusa con una serie di eventi artistico-culturali correlati. “Il museo Leonardo da Vinci deve rimanere aperto e deve proseguire la propria attività. Metterò tutto il massimo impegno come ho sempre fatto – insieme al mio staff – per il bene della città di Siracusa”. Parole forti quelle pronunciate da Maria Gabriella Capizzi, presidente dell’associazione “Leonardo da Vinci Arte e Progetti”, per tutelare l’esposizione museale “Leonardo da Vinci” in questione che, insieme a quello di Firenze, rappresenta il più importante museo del mondo come parco macchine e che è diventato per la provincia di Siracusa un serio punto di riferimento scientifico e culturale per viaggiatori Urbi et Orbi. Lodevole e palpabile è l’impatto turistico e culturale che il museo ha avuto sul territorio della città, come dimostrano i dati recenti riguardo il numero altissimo di visite rispetto ad altri musei, tanto pubblici che privati, per presenze di visitatori nazionali e internazionali nell’arco del biennio 2014/2015 (il museo è stato inoltre recensito sul magazine russo più importante, che mira all’internazionalizzazione dell’eccellenze italiane da promuovere nel proprio territorio, ove è stato enfatizzato il connubio cultura-turismo, rimarcando l’importanza del legame culturale e scientifico del museo, testimonianza unica e non clonabile di interesse mondiale). “Lavorare per e a fianco della città” – ribadisce la presidente Maria Gabriella Capizzi, “anche grazie all’appena nata “Events Museo Leonardo Siracusa” (un team di lavoro costituito dall’arte siracusana e dalla magia imprenditoriale catanese) costituita per dare vita ad eventi significativi e prodromi di successi artistico culturali a corollario di quanto ad oggi assistito”. La presidente Capizzi, prima dello spettacolo, ringrazierà l’Assessore Francesco Italia (Beni e Politiche culturali), il sindaco di Siracusa Giancarlo Garozzo e tutta l’amministrazione per il supporto ricevuto. “Niuiòrc Niuiòrc” di e con Francesco Foti,  primo evento di una lunga serie Uno spettacolo è un viaggio. In questo caso, un viaggio che parla di un viaggio. Un viaggio dentro New York e dentro il protagonista. One Man Show nel senso più compiuto del termine, questo atto unico vede in scena insieme all’attore solo due oggetti, uno sgabello e un quaderno, fedele compagno d’avventura, che imprevedibilmente si trasformano in un universo fisico di elementi. Il testo è basato su appunti di viaggio e del viaggio racconta l’avventura: l’esplorazione di New York da parte di un giovane quarantenne un po’ spaesato, per la prima volta solo in balia della variegata metropoli – e di sé stesso. La storia è dunque quella di un percorso di formazione, in cui il protagonista scopre un mondo nuovo finendo inesorabilmente per scoprire un nuovo sé. La vicenda è costruita come una sequenza di sketches, nel senso letterale di schizzi, ritratti della quotidiana urbanità, e quelli che popolano “Niuiòrc Niuiòrc” sono personaggi al limite del surreale, vicini al fumetto e al tempo stesso profondamente umani e ‘normali’ nella loro peculiarità. Il trailer dello spettacolo www.youtube.com/watch?v=57XhIIcbloc&feature=results_video&playnext=1&list=PL9EFED2FACAF7F9A7 BIGLIETTERIA: Ticket 10,00 € Per info: Barbara Prandini – tel. 0931 44 95 16 (dalle 10 alle 15) Maria Gabriella Capizzi – tel. 388 156 57 46 (dalle 10,30 alle 19,00)